//Ogni giorno una dieta nuova, come scelgo quella per me?

Ogni giorno una dieta nuova, come scelgo quella per me?

Tra impossibili e fattibili: come scegliere la tua dieta?

Vuoi perdere peso e hai cercato di informarti sul web, ma la rete ti ha innondato di informazioni confuse e contradditorie. Alla fine sei rimasto con il tuo dubbio e non sai come scegliere la dieta che faccia per te: molte promettono miracoli, altre sono più modeste; alcune sembrano durare poche settimane, altre produrrebbero gli effetti solo dopo mesi di sacrifici.
In questo articolo cerchiamo di fare un po’ di ordine e di classificare le principali in base all’intensità dei sacrifici che impongono.

Le diete che prevedono forti rinunce

Si tratta di regimi alimentari drastici che potrebbero portarti a dei risultati nel giro di poco tempo: depurato, pieno di energie, alcuni chili in meno; devi però prepararti ad essere stanco, affamato, nauseato, particolarmente irritabile. Seguire queste diete, forse più di altre, necessita di molta forza di volontà.

Nel primo caso, per sette giorni potrai mangiare solo zuppa di cavolo: colazione, pranzo, merenda, spuntini vari. A partire dall’ottavo giorno, potrai integrare gradualmente altri cibi, come la frutta, la verdura, la carne e i cereali. Come nel caso delle altre diete mono alimento, ti stancherai probabilmente in fretta del cavolo, anche molto prima dei sette giorni.

Con la dieta del brodo di pollo, sul tavolo della colazione avrai yogurt, succo d’arancia, succo di prugna secca, latte scremato, bagel integrali e/o ricotta.
Il resto della giornata, e per una settimana intera, potrai mangiare solo brodo di pollo. Meno dura di quella a base di zuppa di cavolo; resta solo da trovare chi mangerà tutto il pollo!

Un’opzione che, oltre ad aiutarti a perdere diversi chili in pochissimo tempo, avrà anche un effetto disintossicante sul tuo organismo, è la dieta disintossicante del limone. Inizia assumendo per tre giorni solamente una bevanda (da 6 a 12 bicchieri nell’arco delle 24 ore), che avrai preparato miscelando succo di limone, sciroppo d’acero e pepe di Cayenna (o, secondo qualcun altro, peperoncino) e acqua tiepida. Successivamente, durante una fase intermedia di durata variabile potrai aggiungere succhi a base di frutta, verdura e brodi vegetali. Concludi con altri tre giorni di succo di limone.
Il ritorno alla “normalità” dovrà essere progressivo e lento: succhi di frutta freschi il primo giorno; passato di verdure il secondo; verdure crude o al vapore accompagnate da carne, pesce, uova ecc.

La dieta della frutta e verdura centrifugate è una variante della precedente, anche se sicuramente ti farà sentire meno affamato. Durante tutto il periodo della dieta, il tuo organismo dovrà assumere solamente cibi liquidi.
Se la dieta del limone ha il vantaggio di essere economica, quella a base di centrifugati di frutta e verdura è sicuramente più cara. Già il costo della centrifuga non è indifferente; a questo poi va aggiunto l’acquisto di tanta frutta e verdura fresche e possibilmente bio.

Se segui il digiuno intermittente scegli di non mangiare per 24 ore di fila una volta a settimana. In alternativa, puoi decidere di assumere cibo (senza restrizioni di tipo o di quantità) solo in una fascia oraria ben precisa (ad esempio, tra le 12:00 e le 18:00) per un mese di fila.
L’organismo, privato dei pasti regolari, andrà a prelevare e quindi a bruciare i tuoi grassi in eccesso.

Per certi versi all’opposto della precedente, la dieta delle 3 ore consiste nel mangiare regolarmente ogni tre ore (eccettuate le tre ore prima di andare a letto). I pasti tradizionali dovranno essere leggeri, mentre gli spuntini intermedi saranno da 100 calorie ciascuno. Il tuo metabolismo sarà sempre attivo perché l’organismo riceverà continuamente cibo.

Le diete più sostenibili

Vi sono altre diete relativamente meno costrittive. Forse i risultati saranno meno evidenti sul momento, ma riuscirai a seguirle più a lungo, in quanto ti richiedono sacrifici meno intensi.

La più classica è sicuramente la dieta ipocalorica. Non dovrai rinunciare a nessun alimento in particolare. Basterà fare attenzione alle tabelle nutrizionali del cibo e conteggiare (con carta e penna o su tablet), pasto dopo pasto, quante calorie stai assumendo.
Questo regime rischia di funzionare solo mentre lo pratichi: una volta ritornato alle tue abitudini alimentari precedenti, potresti riprendere in fretta dei chili.

La dieta Atkins prevede l’eliminazione dei carboidrati, che dovrai sostituire con proteine e grassi: carne, uova, pesce, formaggi, frutta secca. Sembra semplice, ma in realtà molti cibi, soprattutto quelli lavorati, contengono carboidrati; per non fare che qualche esempio: zucchero, cereali, patate, pasta ecc.

Un’altra dieta tra cui scegliere è quella a basso contenuto di grassi. Nessuna rinuncia a carboidrati o a calorie, ma solo a cibi che contengano grassi. Anche in questo caso, dovrai prestare attenzione a quello che metterai a tavola: i grassi non si trovano solo nella carne di maiale, ma anche in olio d’oliva, mandorle, pistacchi, uova, formaggi, …

Esistono alla fine dei regimi intermedi che consentono di assumere cibi vari, a basso contenuto calorico, con pochi grassi e ricchi di nutrienti. Si tratta dei regimi vegetariani nelle loro versioni differenti.
Il vegetariano non mangia carne, ma non rinuncia agli altri prodotti di origine animale.
Il flexitariano mangia carne di tanto in tanto.
Il pescitariano assume proteine animali solo dal pesce, mentre l’ovo -vegetariano solo dalle uova.
Infine, il vegano rinuncia completamente alle proteine di origine animale, andandole a cercare in alimenti vegetali (soia, frutta secca, legumi secchi).

Un sostegno alla tua dieta

Non importa come sceglierai di perdere dei chili; esistono degli integratori alimentari che svilupperanno o aumenteranno il senso di sazietà che proverai.
Accompagnando ai tuoi pasti questi prodotti, ti agevolerai nel rispetto delle tabelle di marcia che ti sei imposto.
Inoltre, si tratta di integratori realizzati senza proteine animali: si addicono perfettamente anche a chi segue regimi vegetariani e vegani.

2017-06-12T13:30:53+00:00